inquinamento in Cina
Mondo

Inquinamento in Cina. Un cortometraggio ce lo racconta.

Il corto affronta il tema degli effetti dell’inquinamento in Cina e dell’impatto sull’atmosfera, sulla salute e sulla vita quotidiana delle famiglie cinesi.

Il cortometraggio sull’inquinamento in Cina è stato realizzato per Greenpeace dal regista cinese Jia Zhangke, vincitore del Leone d’oro alla Mostra del cinema di Venezia nel 2006 con Still life. Attraverso la vita di due famiglie – una di minatori della provincia di Hebei, l’altra appartenente alla classe media di Pechino – la pellicola denuncia gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute e sulla vita quotidiana dei cinesi.

Secondo quanto riportato sul sito di Greenpeace , oltre il 90 per cento delle città cinesi analizzate (190) supera i limiti consentiti relativamente alla concentrazione media annuale dei livelli di particolato ultrafine (PM2.5) nell’aria. Nel 2012 nella provincia di Hebei, che confina con l’area metropolitana di Pechino, sono stati consumati 313 milioni di tonnellate di carbone, e questa è stata la principale causa dello smog.

Secondo le statistiche del Ministero cinese per la Protezione Ambientale, nel 2015 i livelli d’inquinamento nella capitale cinese hanno già superato di venti volte il limite raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità: il livello di allerta inquinamento è stato portato al giallo, la visibilità è bassa e molti abitanti hanno dovuto indossare le mascherine per respirare. Il governo ha annunciato che a partire da marzo sarà vietata la costruzione di nuovi impianti per centrali termiche, raffinerie, cementifici e acciaierie. Nel 2010, all’inquinamento da PM2.5 potrebbero essere attribuite 2.349 morti solo a Pechino.

 

Inquinamento in Cina. Qual’è la tua opinione?

0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *