Il drone ambulanza che salva le vite

Con il drone ambulanza le possibilità di sopravvivere passano dall’8% all’80%

L’ingegnere 23enne Alec Momont ha presentato in Olanda il prototipo del primo drone ambulanza: una vera e propria valigetta medica volante in grado di portare  una maschera d’ossigeno o una dosa d’insulina in tempi record.

pastedGraphic.png

Quello che evince dai dati è che i soccorsi sono troppo lenti : “Circa 800mila persone all’anno sono colpite da arresto cardiaco nell’Unione europea e solo l’8% sopravvive. Le principali ragioni sono i lunghi tempi di attesa dei servizi di emergenza: sono di circa dieci minuti mentre la morte cerebrale e altri danni arrivano dai quattro a i sei minuti”, fa sapere Momont.

Il drone arriva in un minuto – “Il drone ambulanza può portare il defibrillatore a un paziente nel raggio di dodici chilometri entro un minuto, portando le chance di sopravvivenza dall’8% all’80%“.

Il drone raggiunge il post tracciando la chiamate  e usa il Gps per muoversi. Una volta arrivato, un operatore, come un paramedico, può osservare, parlare e istruire chi sta aiutando il paziente usando una telecamera a bordo del drone connessa a una stanza di controllo.

Intanto i servizi di emergenza di Amsterdam cominciano ad utilizzare il prototipo.

Tu cosa ne pensi del drone ambulanza? lascia il tuo commento in basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *